^Back To Top

  • Arrampicata
  • marina piccola
  • Panorama su Dominariu
  • Sa Spendula
  • Spaghetti all'astice
  • Alba a Villacidro
  • Libellula
  • wowslideshow
  • Tempesta di fulmini
Arrampicata1 marina piccola2 Panorama su Dominariu3 Sa Spendula4 Spaghetti all'astice5 Alba a Villacidro6 Libellula7 Sa Filonzana8 Tempesta di fulmini9
wowslider.net by WOWSlider.com v8.7
Sabato, 31 Dicembre 2016 14:24

Il principe fanciulllo

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

C’era una volta in una valle incantata un bellissimo castello,adorno di torri merlate e vessilli colorati che giocavano con il vento.
Nel castello vivevano il Re la Regina e il loro figliolo.
Il principe era sempre molto triste, perché direte voi? Aveva tutto l’amore dei genitori la ricchezza e tutto quanto un principe può desiderare .
Era triste povero lui,perché un incantesimo lo teneva eternamente fanciullo nonostante lui si sentisse un uomo adulto.
Un giorno chiese il perché di questo alla regina sua madre.

Lei gli rispose cosi: vedi mio principe tu sei vittima di un incantesimo.Quando sei nato un malvagio stregone ti rapì e tu non si sa come e perché dopo 7 anni riuscisti a tornare a casa ,ma da allora non sei più cresciuto.

Madre il popolo mi prende in giro ,mi deride,perché non cresco,come posso dimostrargli che io sono grande? Non si può mio principe,rispose la regina madre.
Cosi passo del tempo e il principe era sempre triste. Finchè l'ultima notte dell'anno fece un sogno: sognò una vecchina tutta curva una bellissima ragazza e una bambina bionda.

La prima stava in una foresta buia ,la seconda in una valle ridente e la terza in una sorgente di acqua fresca e limpida.
La bambina gli sorrise dolce e gli disse: se vuoi rispetto dal tuo popolo devi compiere una grande impresa.La bellissima ragazza con tono allegro gli disse:arricchisci il tuo popolo cosi avrai il rispetto che desideri,la vecchina tutta curva invece gli parlò con tono serio e severo dicendo: fai tutte e due le cose,ma ricorda il tuo valore di fanciullo e la tua purezza.
Quando si sveglio raccontò il sogno a sua madre e decise di partire, la regina addolorata per la sua decisione gli disse: figlio mio io ho paura per te ,ma ti voglio bene ,e se vuoi partire per realizzare il tuo sogno io ti darò il mio consenso.
Il primo dell'anno il principe partì per un luogo lontanissimo in cerca di un drago custode del più grande tesoro del mondo.

Pensava compirò una grande impresa e arricchirò il mio popolo cosi diventerò un uomo e non mi derideranno più..
Attraverso lugubri foreste e paludi infestate da animali feroci, fino a raggiungere una montagna altissima che oscurava quasi tutto il cielo, ai cui piedi vi era una grotta :dentro la grotta c’era il drago sputa fuoco custode dell’immenso tesoro.
Il principe si fece forza e lo chiamò: drago vieni fuori tu sei la vittima designata al sacrificio ,senza il tuo sacrificio io non diventerò mai un uomo il drago usci fuori e gli disse: veramente vuoi diventare un uomo? Con la mia morte non lo diventerai di certo .
Il principe non lo ascoltò nemmeno ,si avventò su di lui e gli squarcio il cuore .

Come tolse la spada si avvide che il cuore diventò un grosso forziere, lo aprì e vide che era colmo di pietre preziose, lo caricò sul suo cavallo e si avviò verso il suo regno, ma una strana inquietudine non lo fece gioire della sua impresa ,era sempre triste.
Arrivò al castello diede il tesoro al suo popolo che felice lo ringraziò, finalmente non lo deridevano piu ,ma lui era sempre triste.
Andò dalla regina e gli chiese come mai era ancora un fanciullo ed era sempre triste.
La regina gli rispose mio principe tu resterai fanciullo anche se ucciderai 100 draghi e porterai al tuo popolo mille tesori,quando capirai diventerai un uomo.
Una illuminazione gli aprì la mente. In un attimo il principe capì che non si può essere felici creando la nostra felicita sulla morte di un essere vivente.

Riprese il forziere colmo di tesori e si incammino verso la grotta dove aveva ucciso il drago ,mise il forziere al posto del cuore e come per magia il drago riprese a vivere ,il principe aveva capito ,solo la profonda compassione per tutti gli esseri viventi fa crescere e diventare felici.

Letto 455 volte

Video

C’era una volta in una valle incantata un bellissimo castello,adorno di torri merlate e vessilli colorati che giocavano con il vento.
Nel castello vivevano il Re la Regina e il loro figliolo.
Il principe era sempre molto triste, perché direte voi? Aveva tutto l’amore dei genitori la ricchezza e tutto quanto un principe può desiderare .
Era triste povero lui,perché un incantesimo lo teneva eternamente fanciullo nonostante lui si sentisse un uomo adulto.
Un giorno chiese il perché di questo alla regina sua madre.

Lei gli rispose cosi: vedi mio principe tu sei vittima di un incantesimo.Quando sei nato un malvagio stregone ti rapì e tu non si sa come e perché dopo 7 anni riuscisti a tornare a casa ,ma da allora non sei più cresciuto.

Madre il popolo mi prende in giro ,mi deride,perché non cresco,come posso dimostrargli che io sono grande? Non si può mio principe,rispose la regina madre.
Cosi passo del tempo e il principe era sempre triste. Finchè l'ultima notte dell'anno fece un sogno: sognò una vecchina tutta curva una bellissima ragazza e una bambina bionda.

La prima stava in una foresta buia ,la seconda in una valle ridente e la terza in una sorgente di acqua fresca e limpida.
La bambina gli sorrise dolce e gli disse: se vuoi rispetto dal tuo popolo devi compiere una grande impresa.La bellissima ragazza con tono allegro gli disse:arricchisci il tuo popolo cosi avrai il rispetto che desideri,la vecchina tutta curva invece gli parlò con tono serio e severo dicendo: fai tutte e due le cose,ma ricorda il tuo valore di fanciullo e la tua purezza.
Quando si sveglio raccontò il sogno a sua madre e decise di partire, la regina addolorata per la sua decisione gli disse: figlio mio io ho paura per te ,ma ti voglio bene ,e se vuoi partire per realizzare il tuo sogno io ti darò il mio consenso.
Il primo dell'anno il principe partì per un luogo lontanissimo in cerca di un drago custode del più grande tesoro del mondo.

Pensava compirò una grande impresa e arricchirò il mio popolo cosi diventerò un uomo e non mi derideranno più..
Attraverso lugubri foreste e paludi infestate da animali feroci, fino a raggiungere una montagna altissima che oscurava quasi tutto il cielo, ai cui piedi vi era una grotta :dentro la grotta c’era il drago sputa fuoco custode dell’immenso tesoro.
Il principe si fece forza e lo chiamò: drago vieni fuori tu sei la vittima designata al sacrificio ,senza il tuo sacrificio io non diventerò mai un uomo il drago usci fuori e gli disse: veramente vuoi diventare un uomo? Con la mia morte non lo diventerai di certo .
Il principe non lo ascoltò nemmeno ,si avventò su di lui e gli squarcio il cuore .

Come tolse la spada si avvide che il cuore diventò un grosso forziere, lo aprì e vide che era colmo di pietre preziose, lo caricò sul suo cavallo e si avviò verso il suo regno, ma una strana inquietudine non lo fece gioire della sua impresa ,era sempre triste.
Arrivò al castello diede il tesoro al suo popolo che felice lo ringraziò, finalmente non lo deridevano piu ,ma lui era sempre triste.
Andò dalla regina e gli chiese come mai era ancora un fanciullo ed era sempre triste.
La regina gli rispose mio principe tu resterai fanciullo anche se ucciderai 100 draghi e porterai al tuo popolo mille tesori,quando capirai diventerai un uomo.
Una illuminazione gli aprì la mente. In un attimo il principe capì che non si può essere felici creando la nostra felicita sulla morte di un essere vivente.

Riprese il forziere colmo di tesori e si incammino verso la grotta dove aveva ucciso il drago ,mise il forziere al posto del cuore e come per magia il drago riprese a vivere ,il principe aveva capito ,solo la profonda compassione per tutti gli esseri viventi fa crescere e diventare felici.

Altro in questa categoria: « Legami
Devi effettuare il login per inviare commenti
 Copyright © 2017 Villacidro.Biz  Rights Reserved.